di Luciano Violante

con Viola Graziosi
regia e scene di Giuseppe Dipasquale
Luciano Violante, a lungo figura di primo piano nella vita istituzionale della Repubblica, arriva a Vicenza nella veste inedita di autore teatrale. Nel suo nuovo spettacolo, Circe, la dea-donna simbolo della seduzione “incontra” nella narrazione portata in scena da Viola Graziosi, personaggi attraversati e segnati dal dolore, dalla poetessa russa Achmatova a Giuda Iscariota, oltre naturalmente le figure del mito classico, fino all’inevitabile e multiforme Odisseo, passando dal confine della realtà storica alla mitologia. Perchè Circe, la sacerdotessa del dolore, il riflesso delle profondità irrisolte altrui, colei che penetra lo sguardo ma non impietrisce, riesce a superare i limiti dell’umanità in Odisseo e negli altri personaggi che incontra nel suo straordinario viaggio nel tempo.